CalcioTutti gli Articoli

Russia 2018: tutte le combinazioni in vista degli ottavi di finale

0

Ad un turno dagli ottavi di finale, ancora nessuna squadra conosce il proprio destino, salvo le nazionali già eliminate. In ogni girone, infatti, l’equilibrio regna sovrano, almeno nelle prime posizioni. Sarà necessario dunque aspettare il giro di boa per stabilire con certezza le sedici squadre che parteciperanno alla fase ad eliminazione diretta del Mondiale di Russia. Ma quali gare saranno decisive per le sorti degli otto gironi? Andiamo a scoprirlo insieme, analizzando dapprima i criteri di risoluzione delle situazioni di parità, poi le classifiche dei gruppi.

CRITERI RISOLUZIONE SITUAZIONI DI PARITA’

Differenza reti
Gol fatti
Scontro diretto
Differenza reti nello scontro diretto
Gol subiti nello scontro diretto
Punti Fair Play (-1 cartellino giallo; -3 doppio cartellino giallo; -4 cartellino rosso)
Sorteggio

GIRONE A

Nel girone A, la situazione è piuttosto chiara. Lunedì 28 Giugno (ore 16 italiane) la “Samara Arena” ospiterà lo spareggio per il primato del girone tra Russia ed Uruguay. I padroni di casa sono leggermente favoriti visto che, grazie alla differenza reti superiore (+7 contro +2), possono accontentarsi di un pareggio per chiudere al primo posto il girone. Solo una vittoria per il primato, invece, per la Celeste, che dovrà tirar fuori tutta la garra charrua per sconfiggere l’armata russa. L’altra sfida vedrà contrapporsi Egitto ed Arabia Saudita, a caccia di punti per la gloria, ma inutili ai fini del superamento del turno, viste le doppie sconfitte subite contro le prime due. La vincente di questo girone affronterà negli ottavi di finale la seconda classificata del girone B; viceversa, chi si piazzerà al secondo posto andrà ad affrontare la vincente del gruppo B.

GIRONE B

L’unica certezza del girone B è l’eliminazione del Marocco, sconfitta di misura sia dall’Iran che dal Portogallo. E’ tutto aperto, invece, per la qualificazione agli ottavi, anche se la Spagna è quasi certa di passare il turno. Agli iberici infatti basta un pari contro il Marocco per essere sicura di piazzarsi almeno tra le prime due, ma potrebbe addirittura passare il turno anche con una sconfitta. Portogallo e Iran, invece, si giocheranno l’altro posto a disposizione, con i lusitani favoriti non solo per la differenza tecnica e qualitativa della rosa: i campioni d’Europa hanno infatti due risultati su tre dalla loro. L’Iran è chiamata a vincere per conquistare la sua prima qualificazione agli ottavi di finale di un Mondiale. Per quanto riguarda il primato del girone, la situazione è più complessa ed è analizzata in modo dettagliato nella grafica sottostante:

 

GIRONE C

É sicuramente più semplice la situazione del girone C. La Francia ha vinto entrambe le partite ed è già qualificata agli ottavi di finale. Per ottenere il primato del girone le basterà pareggiare contro la Danimarca. Quest’ultima, seconda con 4 punti, con un pareggio sarebbe certa della qualificazione agli ottavi, ma proverà a sconfiggere i vice campioni d’Europa per conquistare il primo posto. Australia si gioca il tutto per tutto contro il Perù già eliminato: i Socceroos hanno un solo risultato disponibile, la vittoria, e potrebbe addirittura non bastare. La differenza reti infatti premia la Danimarca, quindi l’Australia dovrà vincere ampiamente contro il Perù, e sperare che i danesi non facciano punti.
La vincente del girone C affronterà la seconda classificata del girone D; viceversa, la seconda di questo girone se la vedrà con la vincente del girone D.

GIRONE D

Se per il primato del girone sembra tutto scritto (alla Croazia infatti basta un pari o una sconfitta non larga), le altre tre squadre possono ancora qualificarsi agli ottavi di finale. La Nigeria giocherà contro un’Argentina allo sbando totale e con un pareggio taglierebbe fuori l’Albiceleste dal Mondiale; tuttavia il pareggio potrebbe non bastare per qualificarsi, nel caso l’Islanda dovesse sconfiggere la Croazia con uno scarto tale da coprire la differenza reti. Gli africani hanno comunque a disposizione due risultati su tre, mentre Islanda e Argentina devono solo vincere e sperare. Nella grafica sottostante l’analisi completa e dettagliata di tutte le possibili combinazioni:

 

GIRONE E

Situazione simile a quella del girone B. Costa Rica già eliminata, mentre Brasile, Svizzera e Serbia si giocano qualificazione e primato. L’ultimo turno prevede Brasile vs Serbia e Svizzera vs Costa Rica. Il Brasile con un pareggio sarebbe matematicamente qualificato, ma non certo del primo posto; questo risultato potrebbe star bene anche alla Serbia, nel caso la Svizzera perdesse contro la Costa Rica. I Rossocrociati con una vittoria sarebbero qualificati agli ottavi, a prescindere dal risultato di Brasile-Serbia. La vincente del girone E affronterà la seconda classificata del gruppo F; viceversa, la seconda classificata di questo girone se la vedrà con la vincente del girone F.
Nella grafica sottostante le possibili combinazioni:

 

GIRONE F

Il Messico, nonostante le vittorie contro Germania e Corea del Sud, non è ancora certo degli ottavi (incredibile, ma vero!). Procediamo con ordine. La Corea del Sud è quasi eliminata, avendo perso entrambe le partite. L’unica chance ce l’avrebbe se battesse la Germania con almeno 3 gol di scarto. Al Messico basta un pari contro la Svezia per ottenere qualificazione e primato, ma con una sconfitta – con scarto maggiore di 3 gol – sarebbe eliminata, se la Germania nel frattempo sconfiggesse la Corea. Se invece la Germania dovesse solo pareggiare, o addirittura perdere, contro gli asiatici, allora il Messico sarebbe qualificato con qualsiasi risultato. Come nei gironi precedentemente analizzati, la grafica ci aiuta ad osservare nel dettaglio le varie combinazioni:

 

GIRONE G

Situazione simile a quella del girone A, con due squadre già qualificate che si giocano il primato, Belgio e Inghilterra, e due che giocano per la gloria, ovvero Tunisia e Panama. Tuttavia, la situazione tra Belgio ed Inghilterra è molto ingarbugliata, essendo sia la differenza reti che i gol fatti in totale parità. Se le due squadre dovessero equivalersi nello scontro diretto di venerdì 28 Giugno (ore 16 italiane), allora a decidere il passaggio del turno sarebbe la classifica Fair Play, con un particolare calcolo riguardanti i cartellini presi dalle squadre. In caso di ulteriore parità, sarà un sorteggio a sciogliere i dubbi. Nella classifica sovraesposta, l’Inghilterra è stata messa al primo posto proprio perché con un cartellino giallo in meno rispetto al Belgio. La prima e la seconda di questo girone affronteranno agli ottavi, rispettivamente, la seconda e la prima del girone H.

GIRONE H

L’ultimo girone del Mondiale era, sulla carta, il più equilibrato di tutti, con Colombia e Polonia leggermente favorite su Senegal e Giappone. Tutto ribaltato sul campo: il Giappone e il Senegal si ritrovano appaiati in testa alla classifica a 4 punti (Giappone avanti per il minor numero di cartellini ricevuti), con Colombia a quota 3 e Polonia addirittura eliminata. L’ultima giornata vedrà affrontarsi Colombia-Senegal e Giappone-Polonia. Nella grafica sottostante, le possibili combinazioni:

Bene, ora non resta che goderci questi quattro giorni intensi e ricchi di sfide affascinanti. Il Mondiale sta per entrare nella sua fase clou!

 

A cura di Biagio Vaira

22 anni, appassionato da sempre del calcio in tutte le sue sfaccettature, soprattutto quelle nerazzurre. Seguo volentieri anche gli altri sport, Tennis e MotoGP su tutti. Scriverò di calcio e di mercato, italiano ed estero.

Biagio Vaira
22 anni, appassionato da sempre del calcio in tutte le sue sfaccettature, soprattutto quelle nerazzurre. Seguo volentieri anche gli altri sport, Tennis e MotoGP su tutti. Scriverò di calcio e di mercato, italiano ed estero.

Comments

La tua opinione è preziosa