Calcio

Il ritorno della Serie A: i top players sono attratti dal campionato italiano

0

È una sessione di mercato estiva che potrebbe segnare un nuovo inizio per il calcio italiano: sembra infatti che i giocatori più forti e più pagati del mondo comincino ad interessarsi nuovamente al campionato che, negli ultimi decenni del ventesimo secolo e agli inizi del secondo millennio, era fra i tornei più spettacolari e ambiti, e che inoltre ha portato spesso le proprie squadre alle fasi finali della Champions League, la competizione in cui si concentrano i team più forti del pianeta.

Se fra la fine degli anni ’90 e i primi anni del 2000 tutti gli appassionati di calcio potevano gustarsi le giocate di campioni del calibro di Ronaldo, Zidane, Van Basten e di tanti altri fenomeni, l’ultimo decennio ha segnato una sorta di crisi del campionato tricolore di calcio; l’ultimo successo italiano in campo europeo risale allo storico Triplete dell’Inter nel 2010, e da quel momento in poi la spettacolarità della Serie A si è notevolmente abbassata, e si è lasciata scavalcare dalla Bundesliga, dalla Premier League e dalla Liga spagnola. Questo ha comportato anche un calo nei ricavi dai diritti TV, in quanto le aziende televisive estere preferiscono investire capitali per l’acquisizione degli altri campionati piuttosto che del campionato di calcio dell’Italia. Il tasso tecnico sembra essersi notevolmente abbassato, in favore delle grandi squadre estere che, attraverso un elevato fatturato (doppio se non triplo rispetto a quello delle più grandi squadre italiane), possono permettersi l’acquisto dei cosiddetti top players, e quindi anche un gran numero di successi garantiti. A tutto ciò si va aggiungere poi la non qualificazione della nazionale azzurra ai mondiali di Russia 2018 appena disputati: questo è sicuramente il sintomo di un movimento italiano che deve ripartire dalle ceneri.

Ed è proprio da questa estate del 2018 che il calcio italiano può sognare di tornare agli antichi fasti: l’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus è il simbolo principale di questa rinascita, in quanto toccherà il prato dei campi italiani di calcio il giocatore più forte e determinante di questo momento storico, calciatore che possiede ben 5 Palloni d’Oro. E altri sono gli indizi che portano a pensare al ritorno della grande Serie A italiana: l’Inter che compra giocatori di livello internazionale e che sogna di portare a Milano Luka Modric, calciatore del Real Madrid che è considerato il centrocampista più forte del pianeta e che ha vinto il premio di miglior giocatore, nell’ultimo mondiale, con la sua Croazia; la Roma che continua a comprare giovani di livello e a confermarsi come insidiatrice delle big europee in Champions League (l’esempio per eccellenza è la grande rimonta dell’Olimpico a discapito del Barcellona); il Napoli che con Ancelotti assume un volto più internazionale e che proverà ad inserirsi nel calcio che conta; il Milan che, con il cambio societario, cercherà di riprendere la posizione nobile che, come dice la storia, merita di mantenere in Europa; e infine la Lazio che, con il gioco imposto da mister Simone Inzaghi, dimostrerà di poter mettere in difficoltà qualsiasi squadra italiana ed europea.

Account redazionale

Twitter: @vitasportivait

Instagram: @vita.sportiva

La Redazione
Account redazionale Twitter: @vitasportivait Instagram: @vita.sportiva

Comments

La tua opinione è preziosa