FantaVS: Chievo, l’attacco è la miglior difesa

  • Dopo la scorsa stagione, conclusa con una salvezza arrivata in extremis all’ultima giornata, il Chievo Verona cercherà di mantenere ancora una volta la Serie A, categoria nella quale milita quasi ininterrottamente da ben 18 anni. Le difficoltà però quest’anno potrebbero arrivare anche dalle sentenze della giustizia sportiva, con la società di Campedelli accusata di plusvalenze fittizie (risalenti ad anni passati), che potrebbero assegnare diversi punti di penalità. Servirà quindi qualcosa in più questa stagione per evitare di tornare in Serie B: la squadra c’è e sulla carta se la può giocare, ma molto dipenderà dal morale e dagli esiti extra-campo.

Il modulo: 4-3-3

La squadra di D’Anna si potrebbe schierare con un 4-3-3 ampio, che garantisce libertà e spazi agli esterni e allo stesso tempo copertura per vie centrali. Davanti all’affidabilissimo Sorrentino, la fase difensiva, come abbiamo potuto apprezzare lo scorso anno, è però poco curata e spesso non riesce a contenere le folate degli avversari: per questo motivo è sconsigliata la probabile coppia di centrali Rossettini-Tomovic, che non trasmette fiducia, mentre i terzini quantomeno in fase di spinta possono regalare qualche gioia, in particolare il veterano Cacciatore. A centrocampo, la partenza del Pata Castro costringe il Chievo a privarsi di una delle sue colonne portanti e il sostituto scelto (Depaoli?) non sembra essere all’altezza del predecessore; sempre affidabile invece la coppia centrale ormai “secolare” composta da Hetemaj e Radovanovic, che possono, nonostante l’età e le caratteristiche, regalare buoni voti. Passando all’attacco, è sicuramente il reparto più coperto: si può infatti puntare su giocatori tecnici e d’esperienza come Giaccherini e Birsa, specialisti delle punizioni e affidabili per quale che riguarda voti e bonus; l’unico problema può riguardare la discontinuità di prestazioni oltre ai risultati e alla forma della squadra. Come prima punta invece, c’è concorrenza: infatti apparentemente sembrerebbe avvantaggiato per un posto da titolare Djordjevic, preso a parametro zero dalla Lazio, ma il giovane polacco Stepinski non sembra volersi accontentare di un ruolo minore. A mio parere, a lungo andare, quest’ultimo avrà più possibilità di giocare e potrà mostrare le sue qualità (in parte già apprezzate lo scorso anno): consigliato!

La scommessa 

Come detto poc’anzi, quest’anno potrebbe essere l’anno di Mariusz Stepinski e per questa ragione scommetterei su di lui, seppur evitando di fare follie. Spendete al massimo 15-20 crediti (a seconda del budget).

Da prendere

Viene da stagioni altalenanti e potrebbe avere degli alti e bassi nel corso del campionato, ma dal punto di vista tecnico e delle giocate non si discute. Potrebbe essere uno dei migliori nel Chievo, e tornare ad essere quello ammirato a Bologna e intravisto nella passata stagione. Emanuele Giaccherini, a mio parere, da sesto/settimo del centrocampo è ottimo da prendere. Spendete al massimo 10-15 crediti.

Da evitare

Vedendo il gioco del Chievo e le sue difficoltà in fase difensiva, è sconsigliata la coppia di centrali e in particolar modo Nenad Tomovic che, al contrario del compagno di reparto (Rossettini?), non può essere giocatore da bonus ma può invece portare molti malus. A lungo andare potrebbe per di più perdere il posto per lasciar spazio a Bagni. Da evitare anche per gli ultimi slot di difesa o in leghe numerose: sarebbe una perdita di crediti.

 

Nella mia vita ho praticato tantissimi sport e ciò mi ha portato ad avvicinarmi molto a svariate discipline: in primis calcio e tennis, tra le altre anche Judo e nuoto. È la mia passione che mi spinge a scrivere.


La tua opinione è preziosa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: