CalcioFanta VS

FantaVS : consigli e probabili formazioni per la 12esima giornata

0

Archiviate le coppe europee, venerdì 9 novembre torna il campionato con la dodicesima giornata di Serie A, e con essa il fantacalcio. Di seguito le analisi di ogni partita, con i rispettivi consigliati e sconsigliati per le vostre fantasquadre.

Frosinone Vs Fiorentina, Venerdì ore 20:30

I giallo-azzurri in cerca di punti salvezza ospitano la Fiorentina che sta attraversando un periodo negativo, arriva allo Stirpe con la voglia di riscattare e di non perdere il treno per l’Europa.

LE PROBABILI FORMAZIONI 

FROSINONE 3-4-2-1
Sportiello; Goldaniga, Ariaudo, Capuano; Zampano, Chibsah, Maiello, Beghetto; Cassata, Campbell, Ciofani.

FIORENTINA 4-3-3
Lafont; Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo, Biraghi; Benassi, Veretout, Gerson; Chiesa, Simeone Pjaca.

I NOSTRI CONSIGLI
Sportiello potrebbe esaltarsi con la sua ex squadra, il fattore casa e la crisi Viola sono due fattori che ci spingono a consigliarlo. Dopo l’ottima partita con il Parma consigliamo anche Ciofani, meno Campbell. L’unico in grado di ispirare è Chiesa con Simeone che sembra l’ombra di se stesso. Consigliato anche Veretout che sembra non sbagliare più una partita. Anche Pezzella potrà regalarvi un’ottima prestazione.

Torino Vs Parma, sabato ore 15:00

Stanno benissimo i padroni di casa, che dopo la vittoria esterna per 1-4 a Marassi vogliono dare continuità a uno stato di forma esaltante cercando di trarne più punti possibili; sembrano lontani i tempi delle polemiche e delle delusioni che caratterizzavano l’ambiente granata fino a qualche settimana fa: la squadra di Mazzarri non perde da 6 giornate, con le uniche sconfitte arrivate al cospetto di Napoli e Roma (quest’ultima alla prima giornata), e si gode il posizionamento in zona Europa sopra squadre come la Fiorentina, l’Atalanta e la Roma stessa. Differente la situazione dei parmigiani, che dopo un inizio scoppiettante hanno un po’ frenato, anche a causa delle numerose defezioni, pur rimanendo saldamente ancorati a una zona tranquilla della classifica: con il probabile ritorno di Inglese e il recupero di Gervinho chissà che non possa tornare anche quel Parma frizzante e concreto ammirato fino a un mesetto fa. L’ultima volta a Torino, nel 2014, finì col risultato di 1-0 per i locali.

Probabili Formazioni

Torino (3-4-1-2): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Djidji;
De Silvestri, Baselli, Rincón, Aina; Soriano;
Iago Falqué, Belotti

Parma (4-3-3): Sepe; Iacoponi, Bruno Alves, Gagliolo, Gobbi; Deiola, Rigoni, Barillá; Gervinho, Inglese/Ceravolo, Siligardi/Di Gaudio

I nostri consigli

Nel Toro, in molti possono far bene in questa giornata: da Sirigu (reduce da un rigore parato) a Nkoulou passando per Iago. Sicuramente è da lanciare Belotti senza pensarci più di tanto: la doppietta alla Samp ha dato un’iniezione di fiducia non indifferente. Consigliato anche il solito De Silvestri e la sorpresa Soriano, che stavolta dovrebbe giocare e da trequartista: potrebbe essere la sua occasione.

Parma che non si tirerà indietro nella sfida del “Grande Torino” e giocherà per vincere. Dare fiducia a Gervinho e tenere d’occhio anche la situazione di Inglese: potrebbe tornare a sbloccarsi. Da evitare invece Gobbi e Iacoponi: i terzini ducali potrebbero soffrire tutta la partita gli avanti granata senza uscirne indenni. Meglio non rischiare.

Spal Vs Cagliari, sabato ore 18:00

Dopo un inizio da primato, gli Estensi stanno vivendo un periodo difficile dal punto di vista dei risultati ma anche del gioco, tanto che nelle ultime due uscite contro Frosinone e Lazio sono arrivate altrettante sconfitte nette e senza scusanti che hanno ridimensionato gli stati d’animo e la classifica dei biancazzurri; la squadra infatti nelle ultime sette partite ha raccolto sei sconfitte e una vittoria, seppur prestigiosa, contro la Roma All’Olimpico: un ruolino tutt’altro che promettente per una squadra che a inizio campionato sembrava lanciata verso una salvezza tranquilla. Il Cagliari, invece, si sta mostrando squadra costante e con un identità di gioco ben costruita: finora i sardi stanno facendo il campionato che ci si aspettava da loro, giocando sempre al massimo delle proprie capacità e non vivendo mai veri e propri periodi di crisi, bensì andando avanti di partita in partita vincendo quando devono vincere e mettendoci sempre l’impegno. Un anno fa al “Mazza” finì 0-2 per gli isolani.

Probabili Formazioni

SPAL (3-5-2): Milinkovic-Savic; Cionek/Bonifazi, Vicari, Felipe; Lazzari, Missiroli, Valdifiori, Schiattarella, Costa/Fares; Antenucci/Paloschi, Petagna

Cagliari (4-3-2-1): Cragno; Srna, Pisacane, Ceppitelli, Padoin; Ionita, Bradaric, Barella; Castro, Joao Pedro; Pavoletti

I nostri consigli

In generale, andarci piano con la SPAL. Da mettere a prescindere il pendolino Manuel Lazzari. Meglio evitare di schierare invece Schiattarella, che ha il giallo facile.

Nel Cagliari promosso il trio composto da Pavoletti, Joao Pedro e Castro, ma attenzione anche alla sostanza di Ionita. Scartabile l’idea che porta a Bradaric, sbaglia spesso ed è portatore sano di malus.

Genoa Vs Napoli, sabato ore 20:30

Padroni di casa che sembrano aver pagato il cambio di allenatore, tanto che dopo l’esonero di Ballardini non è arrivata nessuna vittoria e soli 2 punti in 4 partite. Col Napoli sarà ancora più difficile interrompere il digiuno. Gli Azzurri infatti sono in un ottima stato di forma, come si è visto anche dal pareggio di martedì col PSG, e devono rimanere nella scia della Juventus vista anche l’insidia dell’Inter per il secondo posto. Un anno fa finì 2-3 al Ferraris, in una partita che vide protagonista Dries Mertens che mise a segno una doppietta.

Probabili Formazioni

Genoa (3-5-2): Radu; Biraschi, Romero, Criscito; Romulo, Hiljemark/Pereira, Mazzitelli/Veloso, Bessa, Lazovic; Kouamé/Pandev, Piatek

Napoli (4-4-2): Ospina; Malcuit/Mario Rui, Albiol, Koulibaly, Hysaj; Callejon, Allan, Hamsik/Diawara, Zielinski/Ruiz; Milik/Mertens, Insigne

I nostri consigli

Genoa non esaltante ultimamente, si possono comunque schierare i perni come Romulo e soprattutto Piatek, che deve tornare a segnare. Meglio andarci piano con la difesa ed evitare anche i vari Hiljemark e Mazzitelli, che potrebbero soffrire molto il palleggio napoletano.

Napoli invece approvato in toto o quasi: non conviene rischiare Malcuit o Mario Rui, che sono in ballottaggio e dal rendimento imprevedibile. Per i dubbiosi, da mettere a prescindere Dries Mertens (reduce da una tripletta), se non parte titolare, comunque entra sempre e ravviva la squadra.

Atalanta Vs Inter, domenica ore 12:30

L’Atalanta sembra tornata ai livelli di rendimento ai quali ci aveva abituati nelle ultime stagioni. La squadra di Gasperini, infatti, ha aggiustato la propria classifica, che la vede ferma a quota 15 punti e, soprattutto, viene da 3 vittorie di fila a testimoniare la sua ottima salute. Padroni di casa che, nell’ultima giornata di Serie A, hanno vinto a Bologna, pur soffrendo (2-1 il risultato del match). Per l’Inter, dunque, si tratta di un match difficile nella strada verso lo scudetto. Gli uomini di Spalletti, attualmente distanti 6 punti dalla Juventus capolista, hanno 25 punti, come il Napoli, ed hanno vinto le ultime 7 gare di campionato giocate. In settimana, il pareggio contro il Barcellona a San Siro (1-1), ha certamente contribuito ad aumentare l’autostima di una squadra che dimostra grande solidità in fase difensiva (solo 6 reti subite). Nell’ultimo turno di Serie A, Inter vittoriosa con goleada contro il Genoa (5-0, a segno anche il ritrovato Joao Mario).

Probabili formazioni 

Atalanta (3-4-2-1) : Berisha; Toloi (Djimsiti), Palomino, Mancini; Hateboer, Freuler, De Roon, Gosens; Ilicic, Gomez; Zapata (Barrow).

Inter (4-2-3-1) : Handanovic; Vrsaljko, Skriniar, De Vrij (Miranda), Asamoah; Vecino, Brozovic (Gagliardini); Candreva (Politano), Joao Mario (Nainggolan), Perisic; Icardi.

I nostri consigli

Entrambe le squadre sono in un ottimo momento, per cui sarà una partita ricca di emozioni. Ok per i vari IlicicGomez e Zapata, sbloccatosi finalmente la scorsa giornata. Non sarà la giornata adatta per Mancini, così come per Berisha. Attenzione a Freuler, non segna da un’eternità.Tra gli ospiti, abbiamo la sensazione che Handanovic possa subire gol: meglio lasciarlo fuori. Ok per Brozovic, evitiamo Vrsaljko per la sua scarsa propensione a gol e assist. Perisic Icardi vanno messi.

Chievo Vs Bologna, domenica ore 15:00

La squadra di mister Ventura è in una situazione di classifica pressochè disperata arrivati a questo punto della stagione. Il Chievo è ultimo in classifica a quota -1, ed è già staccato di 8 punti dalla zona salvezza. A complicare il quadro, c’è certamente la mancanza di vittorie in campionato, unita a peggior attacco e peggior difesa della Serie A (8 gol segnati, 28 subiti). Il Bologna di Pippo Inzaghi, dal canto suo, è fermo a quota 9 punti in graduatoria, ed ha ancora un margine di 3 punti sulla zona retrocessione. I felsinei, però, sono in difficoltà, visto che non vincono in campionato ormai da 4 gare. Ospiti che, nell’ultima giornata di Serie A, hanno perso in casa contro l’Atalanta, pur disputando una buona partita. In palio ci sono punti importanti per la salvezza, soprattutto per i veronesi.

Probabili formazioni

Chievo (3-4-2-1) : Sorrentino; Bani, Rossettini, Barba; De Paoli, Hetemaj (Obi), Radovanovic, Jaroszyski; Birsa, Giaccherini; Stepinski.

Bologna (3-5-2) : Skorupski; Calabresi, Danilo (Gonzalez), Helander; Mbaye, Poli, Pulgar, Dzemaili (Svanberg), Krejci (Orsolini); Palacio, Santander.

I nostri consigli 

Squadre in piena crisi, col Chievo che deve assolutamente trovare la prima vittoria stagionale: contro il Bologna è possibile, per cui dentro tutti i migliori ovvero BirsaStepinski e Giaccherini che vorrà rifarsi della figuraccia contro il Sassuolo. Evitiamo Sorrentino, la difesa gialloblu è troppo vulnerabile e quindi out anche Bani Rossettini.Tra gli ospiti, se avete alternative migliori di Skorupski, potreste dormire sonni più tranquilli. Evitate Falcinelli, finirà di nuovo in panchina in favore di Palacio e Santander: quale occasione migliore per metterli in campo? Non c’è due senza tre, per cui mettete il talismano Mbaye. Evitiamo Poli e Dzemaili: il loro apporto in termini di bonus è sparito.

Roma Vs Sampdoria, domenica ore 15:00

I giallorossi sono reduci dalla bella vittoria di Mosca contro il CSKA in Champions League, ma in campionato continua a zoppicare e a non convincere. Solo nono posto per la Roma con 16 punti, ben cinque da recuperare sulla quarta piazza, ultima utile per centrare la qualificazione in Champions League, obiettivo minimo stagionale. Reduce da due pareggi contro Napoli e Fiorentina, entrambi per 1-1, i giallorossi hanno conquistato due punti nelle ultime tre gare per un’emorragia di punti che ha fatto crollare la squadra in classifica. Di Francesco non rischia, almeno per il momento, ma la dirigenza si aspetta un pronto riscatto. La Sampdoria, al pari della Roma, sta rendendo sotto le aspettative; l’obiettivo è lottare per una qualificazione in Europa League ma la squadra è solo 11esima con 15 punti, anche se la sesta piazza è distante tre lunghezze. I doriani sono reduci da due sconfitte consecutive. Giampaolo deve, quindi, trovare la quadratura del cerchio e mettere fine a questa serie di risultati negativi.

Le probabili formazioni 

Roma (4-2-3-1) : Olsen; Florenzi (Santon), Manolas, Fazio (Marcano), Kolarov (Juan Jesus); Pellegrini, Nzonzi; Under, Pastore (cristante), El Shaarawy; Schick (Dzeko).

Sampdoria (4-3-1-2) : Audero; Bereszinski, Tonelli, Andersen, Murru; Praet, Ekdal, Linetty (Jankto); Saponara (Ramirez); Defrel (Caprari), Quagliarella.

I nostri consigli 

Consigliamo Dzeko, nonostante dovrebbe partire dalla panchina e stia vivendo un periodo no: contro una Samp in difficoltà non si può lasciarlo fuori. Ok anche per El Shaarawy che tornerà dal 1′ così come per Under che deve rimediare l’erroraccio fatto con la Fiorentina. Meglio evitare Olsen, i blucerchiati sono sempre pericolosi in attacco. Ok invece Manolas. Possibile chance per Pastore, schieratelo. In una Samp in calo, sconsigliamo Audero: la Roma non è l’avversario ideale per mantenere la porta inviolata. Ok per Quagliarella, attenzione a Defrel, ex dal dente avvelenato. Out anche l’accoppiata Andersen-Tonelli, mentre Saponara è sempre pericoloso.

Empoli Vs Udinese, domenica ore 15:00

Si ritorna in campo con un nuovo tecnico, perché è stata fatale ad Andreazzoli la manita subita dal Napoli; a nulla son valsi i complimenti di Ancelotti ed il bel gioco espresso sul campo. La proprietà ha deciso di puntare su Beppe Iachini, al suo esordio contro i friulani. Un solo punto nelle ultime tre giornate, l’Empoli ha il quinto peggior attacco del torneo e la quarta difesa più battuta, numeri non proprio edificanti. In casa un solo successo in cinque gare ma un punto nelle ultime quattro. L’Udinese, invece, nonostante gli ultimi risultati negativi, ha dato l’ultima chance a Velazquez; o sarà vittoria e punti fondamentali da conquistare oppure potrebbe scattare l’esonero con ogni probabilità. I bianconeri, infatti, hanno incassato un solo punto nelle ultime quattro gare anche se hanno affrontato Napoli, Juve e Milan (contro i rossoneri ko addirittura al 97′ settimana scorsa); la classifica, però, langue, considerato come l’Udinese sia 16ma con nove punti, solo tre in più sulla zona retrocessione.

Le probabili formazioni 

Empoli (4-3-1-2) : Provedel; Di Lorenzo, Maietta, Silvestre, Antonelli; Acquah, Bennacer (Capezzi), Krunic; Zajc; Caputo, La Gumina.

Udinese (3-5-1-1) : Musso; Opoku, Ekong, Samir; Pussetto, Fofana, Behrami, Mandragora, Larsen; De paul; Lasagna.

I nostri consigli 

Intoccabile Caputo, per ora consigliamo di tenere fuori La Gumina, in attesa di vedere come sarà gestito. Come con Andreazzoli, ok per ZajcKrunic e per questa partita consigliamo anche Provedel/Terracciano: l’Udinese è in crisi. Out Maietta e Rasmussen, poco utili al fantacalcio.Tra gli ospiti, dubbio tra i pali, ma ad ogni modo evitiamo Scuffet e Musso. Ok Fofana, i suoi tiri dalla distanza sono sempre pericolosi. Barak si è perso e probabilmente neanche partirà dal 1′: evitatelo. Ok per i soliti noti De Paul e Lasagna.

Sassuolo Vs Lazio, domenica ore 18:00

Domenica alle 18 il Sassuolo ospita la Lazio, in una sfida dal retrogusto europeo. Sorprendente non tanto per gli ospiti quanto per i padroni di casa, reduci da 3 risultati utili consecutivi e da un sesto posto di tutto rispetto. La squadra di Inzaghi invece deve ritrovare la continuità, troppi alti e bassi in una lotta per l’Europa più spietata che mai, e il campo non è dei più semplici. Sfida aperta a qualsiasi risultato, difficile fare un pronostico ma le aquile partono leggermente favorite.

Probabili formazioni

SASSUOLO (3-4-3): Consigli; Marlon, Magnani, Ferrari; Lirola, Duncan, Manganelli /Locatelli, Rogerio; Berardi, Boateng, Di Francesco.

LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Luiz Felipe/Wallace, Acerbi, Radu; Marusic, Parolo, Lucas Leiva/Badelj, Milinkovic-Savic, Lulic; Correa/Luis Alberto; Immobile.

I nostri consigli

Nei padroni di casa per precauzione è meglio evitare sia Consigli che il reparto difensivo, unica esclusione Ferrari. Centrocampo a rischio giallo, meglio preferire Lirola sulla fascia destra. In attacco possono essere schierati tutti, Boateng su tutti.
Nella Lazio occhio all’ex Acerbi, mentre é meglio evitare Luiz Felipe. Può essere la partita di Milinkovic-Savic, dopo delle prestazioni sempre più positive. Consigliare Immobile é banale, infatti piazziamo la nostra scommessa su Correa: con un Luis Alberto anonimo, è la sua occasione per affermarsi.

Milan Vs Juventus, domenica ore 20:30

Padroni di casa che vengono da un pareggio in europa League che tiene i tifosi rossoneri ancora in ansia per il passaggio del turno di europa League. Juventus che invece dopo la delusione in Europa cerca risposte rituffandosi nel mondo del campionato, cercando di allungare su Napoli e Inter.

Probabili formazioni

Milan (4-4-2) Donnarumma, Abate, Romagnoli, Musacchio, Rodriguez, Suso, Bakayoko, Kessie, Laxalt, Higuain, Cutrone

Juventus (4-3-3) Sczesny, Cancelo, Chiellini, Bonucci, Sandro, Khedira, Pjanic, Matuidi, Dybala, Ronaldo, Mandzukic

NOSTRI CONSIGLI

Tra le fila rossonere da schierare assolutamente Higuain, che non va lasciato mai fuori e in quanto ex vorrà colpire, consigliato anche Suso, mentre fuori Musacchio e Bakayoko.

Per i bianconeri dentro Ronaldo e Pjanic, dentri quasi tutti, tranne forse Sczesny che ultimamente prende qualche gol di troppo

Account redazionale

Twitter: @vitasportivait

Instagram: @vita.sportiva

La Redazione
Account redazionale Twitter: @vitasportivait Instagram: @vita.sportiva

Comments

La tua opinione è preziosa