Astri NascentiFootball Americano

Astri Nascenti nella NFL – Tua Tagovailoa e i Miami Dolphins, una storia che promette scintille

0

Tua Tagovailoa e i Miami Dolphins, una storia che promette scintille.

Il quarterback è stato scelto alla pick n.5 del draft di questo anno.

Le aspettative sono altissime, come dimostra i volumi di maglie vendute col numero 1 dei Dolphins, le quali sono al primo posto, davanti anche l’attesissima n.12 di Tom Brady, con i nuovi colori dei Tampa Bay Buccaneers.

Tua Tagovailoa ha mostrato un talento eccezionale contemporaneamente a un livello di fragilità altissimo, che potrebbe compromettere la sua ascesa nella NFL.

Tua ha giocato per Alabama Crimson Tide nei suoi tre anni trascorsi al college, vincendo un titolo nel 2017.

Twitter-©AlabamaFTBL

In particolare, nel National Championship, il qb entrò nel secondo tempo, sostituendo l’infortunato Jalen Hurts, ora ai Philadelphia Eagles. Nei tempi supplementari, si rese protagonista del passaggio decisivo, che valse il titolo e il premio come MVP della finale, contro Georgia.

Un episodio che dimostra la forza mentale del giocatore, che si è fatto trovare pronto in un momento decisivo.

Al contrario della testa, e della sua nota leadership, il fisico non va di pari passo.

Nell’ultima stagione, si è infortunato gravemente all’anca, con Tua che è rimasto ai  box per la restante parte della stagione, escludendo dalla corsa play-off la stessa Alabama.

Tagovailoa ha un ottimo lancio, preciso, oltre che un’ottima visione di gioco, che lo rendono decisivo nei momenti “clutch“, come abbiamo già potuto notare nei “National Championship” del 2017.

Inoltre, non è molto alto, ma dato le ultime tendenze della NFL, potrebbe non essere un problema, come abbiamo potuto notare con Russell Wilson.

Non bisogna però dare per scontato che Tua giochi titolare dall’inizio delle regular season, con i Miami Dolphins che possono fare affidamento su altri due buoni quarterback, Josh Rosen e Ryan Fitzpatrick.

©Twitter

Con molta probabilità, l’esperto qb farà da chioccia al giovane talento, anche se lui stesso non ha negato di voler giocare. Una strada percorribile, è quella di vedere “Fitz” come uno “starter”, concedendo qualche partita da titolare al termine della stagione al giovane quarterback.

Un ruolo che potrebbe giovare al giovane talento, come già successo nel recente passato con Patrick Mahomes, che rimase ben 15 partite in panchina nella sua stagione da “rookie”, dietro al più esperto Alex Smith. Potrebbe rivelarsi un’ottima mossa per evitare una brusca e rapida ricaduta a Tua, ed inoltre l’ex Bucs potrebbe guidare al meglio la giovane linea d’attacco dei Dolphins.

Invece, nel caso fosse titolare e la pick numero 5 del draft avesse dei cali fisici, o comunque dovesse infortunarsi, l’alternanza Rosen-Fitzpatrick dello scorso anno potrà rivelarsi importante per la franchigia di Miami.

Twitter-©josh3rosen

Il grande sconfitto di tutto ciò è Josh Rosen, pick n.10 del draft del 2018, da parte degli Arizona Cardinals. Il giovane ex UCLA Bruins ha avuto molta sfortuna nei suoi primi anni in NFL, con i Cardinals che hanno scelto Kyler Murray con la prima scelta assoluta l’anno scorso, mentre gli stessi Dolphins hanno scelto Tagovailoa.. Con moltà probabilità, verrà scambiato per qualche scelta al terzo giro, sperando che la sua sorte possa cambiare.

Coach Bruce Arians ha recentemente affermato che se Tua Tagovailoa starà bene, cosa che ha recentemente confermato lo staff medico dei Dolphins, sarà al 100% uno starter.

La classe e il talento sono dalla sua parte, due armi da sfruttare per riportare i Miami Dolphins ai play-off, e magari anche un pò più in là. 

 

Mirko Guarducci
Mi piacciono gli sport di squadra: calcio, NBA e NFL, con un occhio agli sport motoristici.

Comments

La tua opinione è preziosa

Login/Sign up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: