Rugby

Aotearoa, riparte il rugby siglato All Blacks

0

 

Introduzione

Ha finalmente avuto inizio il Super Rugby Aotearoa, torneo che può considerarsi una costola del Super rugby, diviso in 10 settimane per un totale di 20 partite. A scontrarsi nell’Aotearoa i 5 club più forti della Nuova Zelanda: i Crusaders con base a Christchurch, i Blues della metropoli Auckland, i Chiefs del Waikato, gli Hurricanes della capitale Wellington, infine, gli Highlanders dell’isola del sud, con un nome vagamente scozzese.

Nuovo regolamento

Vi sono delle variazioni al regolamento, si prevedono infatti partite molto equilibrate considerando le statistiche delle ultime 2 stagioni.  Viene introdotto il “Golden Point”: chi segna per primo nei 10 minuti di tempi supplementari vince la partita, con un calcio piazzato, una meta o un drop.

Vi sarà un cartellino rosso edulcorato, che punisce l’autore del fallo e solo parzialmente i suoi compagni, infatti il giocatore espulso esce a titolo definitivo, tuttavia la sua squadra, dopo venti minuti, può ristabilire la parità numerica in campo inserendo un altro uomo dalla panchina.

Per velocizzare il gioco si presterà maggiore attenzione al breakdown, la situazione che si crea tra placcato e placcatore, in italiano il “punto di incontro”. Gli arbitri dovranno porre fine a comportamenti come  rotolare per  terra gattonando per avanzare, e in difesa il placcatore dovrà mollare subito la “presa”.  Unico obiettivo: velocizzare il gioco.

Ritorni illustri

Vi sono anche graditi ritorni come, per esempio, quello di  Dan Carter.  Dopo 5 anni passati tra Parigi e il Giappone, ha accettato di accasarsi in sponda Blues, nonostante fosse un ex Cruaders. Insieme a lui  Beauden Barrett, altro giocatore di altissimo livello.

Prime impressioni

Un torneo di pregevole fattura, con un tasso tecnico elevatissimo che senza ombra di dubbio allieterà i sabati e le domeniche degli appassionati di questo sport, che dovranno fare levataccia per godersi questo spettacolo. Nelle due partite del primo del primo turno, i ritmi di gioco sono stati di altissima intensità, come se questo periodo di pausa forzato non fosse esistito, le skills pur se talvolta arrugginite e farraginose sono state pur sempre di grande impatto.

Fun Facts

Durante i due match non sono sono mancati i colpi di scena, infatti, durante il match tra Higlanders e Chief uno striker è entrato in campo eludendo la sorveglianza.

 

Nel secondo match dell’Aotearoa quello tra Blues e Hurricanes dopo la meta di Dan Coles, i giocatori degli Hurricanes coinvolgono nei festeggiamenti Barrett, loro compagno negli All Blacks e loro ex compagno di squadra

Highlights

Se qualcuno si fosse perso i due match di seguito postiamo gli Highlights del match:

Highlanders-Chiefs 

 

Blues-Hurricanes 

Giacomo Civino

Comments

La tua opinione è preziosa

Login/Sign up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: