FreccetteSport individuali

Darts, World Championship 2020 – London Calling, come ogni anno

0

Ally Pally si veste elegante ed apre le porte al mondo delle freccette. van Gerwen guida i 96 giocatori in cerca di un posto al sole

Nel regale Alexandra Park – situato nell’ala nord di Londra – sorge l’Alexandra Palace, un palazzetto polivalente che ospita svariati appuntamenti sportivi. Tra questi c’è il William Hill World Championship 2020, ovvero il campionato del mondo PDC di freccette, giunto alla sua 27° edizione, 11° ad Ally Pally – così viene soprannominato l’impianto. Il seed a 96 giocatori – novità introdotta l’anno scorso per donare maggiore spettacolo ed imprevedibilità ad un evento sempre più seguito – amplia la forbice delle possibilità, con i partecipanti che vogliono ritagliarsi un fazzoletto di gloria. I primi due turni sono al meglio dei 5 set, terzo e quarto turno al meglio di 7, mentre quarti, semifinali e finale sono al meglio, rispettivamente, di 9, 11 e 13 set. Le nazioni rappresentate sono 28 – record inglese con 38 giocatori – i giorni di gara ben 17 – con un piccolo stop solo nei tre giorni natalizi – e l’hype è alle stelle. Mettetevi comodi.

Il primo acuto del 2019, il 1° Gennaio scorso, lo piazzava Micheal van Gerwen, il quale batteva in una finale a senso unico Michael Smith, brillante solo in quei quattro leg disumani che l’hanno portato a rimontare da 4-0 a 4-2 – due 124 out, un 127 ed un 70. Poi spallata – mentale e nel powerscoring – luce spenta, terzo mondiale PDC e tutti a casa. Un trionfo voluto, con il mostro olandese bravo a dosarsi lungo tutta la stagione – Mighty Mike, nel 2018, ha vinto il World Gran Prix, la Premier League e la World Cup of Darts in coppia con Raymond van Barneveld – per arrivare il più fresco e concentrato possibile all’appuntamento più importante, quello che l’avrebbe elevato – solo numericamente, è il più forte da anni – nell’élite dei più vincenti al mondiale. Così è stato. Cerca il back to back, ed è il logico favorito, ma il percorso è pregno di insidie.

DONNE

Iniziamo – com’è giusto che sia – con il gentil sesso. Saranno Mikuru Suzuki e Fallon Sherrock le due donne che parteciperanno al William Hill World Championship 2020. La giapponese ha trionfato al The Rest of the World Women’s Qualifier mentre Fallon Sherrock ha vinto l’UK and Ireland Qualifier giocando in maniera superba – 99 average, secondo più alto della storia femminile dopo il 100,20 della Dobromyslova all’England Classic – battendo la campionessa Lisa Ashton in semifinale e Lorraine Winstanley in finale. Sukuzi trova Richarson all’esordio, onesto mestierante ricordato soprattutto per aver battuto – nel 2012 – Raymond van Barneveld al primo turno del mondiale; non impossibile l’upset. Più difficile la sfida per Sherrock contro Evetts, giovane talentuoso capace di giocare ad alto livello.

Fallon Sherrock.

FAVORITI

Michael van Gerwen

Parte favorito in ogni torneo, figuriamoci al Mondiale, dove servono muscoli e nervi saldi uniti ad una dose infinita di talento. Se ancora ce ne fosse bisogno, l’olandese, nel 2019, ha ribadito che è il più forte giocatore del mondo e, con tutta probabilità, della storia. Non ce ne voglia il lustro ed i numeri di “The Power” Phil Taylor. L’anno corrente ha consegnato a van Gerwen – oltre al mondiale PDC il 1° Gennaio scorso – cinque major – Premier League, World Gran Prix, Champions League of Darts, The Master e Players Championship Finals – tre tappe dell’European Tour – Austrian Darts Open, European Darts Open e German Darts Grand Prix – e tre tornei delle World Series – Melbourne, New Zealand e Finals. Numeri stratosferici per l’uomo da battere che, come ben sappiamo, quando è in forma non ha rivali. Esordio contro Klaasen o Burnes, possibile quarto contro Wade o White.

Gerwyn Price

L’unico che – ad oggi, sulla carta – può tenere testa a van Gerwen. Il talento gallese – ex rugbista – ha azzeccato la seconda vita ed è testimone di una crescita verticale in questo 2019. Dopo il successo al Grand Slam of Darts, il mondiale passato – eliminato al secondo turno dalla sorpresa Aspinall – aveva spento l’entusiasmo di “The Iceman”, ma quest’anno la musica è cambiata, soprattutto nel finale di stagione. Dopo aver vinto il Players Championship numero 27 a Dublino e l’International Darts Open, ha dominato il Grand Slam of Darts superando van Gerwen in semifinale – battuto sul campo del ritmo e powerscoring, specialità di MvG – e strapazzando Wright in finale. Finale anche alle Players Championship Finals, stavolta con il trionfo di van Gerwen. Arriva al mondiale in forma smagliante – media sempre sopra ai 100, cinico in doppia – e con la consapevolezza di essere l’avversario più ostico. Esordio contro O’Connor o Kantele, possibile quarto contro Gurney o Suljovic.

OUTSIDER

Nel calderone degli outsider sono costretto a mettere anche nomi di spicco come Michael Smith, Gary Anderson e Rob Cross. Decisione difficile, ma inevitabile. “Bully Boy”, dopo la finale persa ad inizio 2019, ha racimolato discreti piazzamenti, due semifinali consecutive – Champions League of Darts ed European Champions – e poco altro; “The Flying Scotsman” ha dovuto lottare con un problema alla schiena che lo ha costretto a saltare gran parte della stagione, tra cui la Premier League. Unico acuto la vittoria della World Cup in coppia con Peter Wright. ”Voltage”, invece, due Major li ha portati a casa – European Championships e World Matchplay più una finale agli UK Open – ma il suo rendimento è in calando e vive di folate; può sicuramente riscattarsi, ma la strada è in salita. Sgomitano Gurney, Wright e Wade, ma attenzione alle frecce di White, sempre troppo sottovalutato. Sarà il mondiale di Lewis, che può intrufolarsi in uno spicchio di tabellone con giocatori molto forti ma lontani dalla forma ottima – prima Webster, poi Van den Bergh e Smith – della vipera Aspinall, chiamato a replicare quanto di buono fatto in stagione – citofonare UK Open – dei giovani come de Zwaan, Van den Bergh ed Humphries – fresco vincitore del campionato del mondo giovanile, pur avendo 23 anni – e dei giocatori di mezzo che possono spiccare il volo – Suljovic, Whitlock, ferito nell’orgoglio, Durrant.

Adrian Lewis.

Menzione d’onore per Raymond van Barneveld, giunto all’ultima recita della sua infinita carriera. Capace di vincere ben cinque mondiali – quattro in BDO, uno in PDC nel 2007 – è uno dei giocatori più vincenti nella storia della disciplina. Veel geluk, Barney!

Si parte venerdì 13 Dicembre alle 20 con Klaasen contro Burness. DAZN trasmetterà l’evento con commento in italiano. Sotto il programma del day one. Buon mondiale a tutti, buone Darts a tutti.

2019/2020 William Hill World Darts Championship
Schedule of Play
Friday December 13 (1900 GMT)
3x First Round, 1x Second Round
Jelle Klaasen v Kevin Burness (First Round)
Kim Huybrechts v Geert Nentjes (First Round)
Luke Humphries v Devon Petersen (First Round)
Michael van Gerwen v Klaasen/Burness (Second Round)
Simone Cappelli
Ascoli Piceno, Classe 98. Articolista  Appassionato di musica, sogno di scrivere un libro. Ora su @vitasportivait per parlare di freccette, e non solo.

Comments

La tua opinione è preziosa

Login/Sign up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: