Vela

Riparte la caccia alla Coppa America

0

La Nuova Zelanda sta rappresentando uno dei luoghi centrali per la vela. Questo perché proprio nella terra dei Maori è partita la caccia alla coppa delle cento ghinee: la Coppa America di vela. Una competizione antichissima, la prima edizione si svolse nel lontano 1851.

La Coppa America si svolge ogni quattro anni e si articola su più momenti: il primo è la sfida al detentore della coppa da parte di un Challenger.  Poi i due contendenti decideranno le modalità di assegnazione della prossima coppa e successivamente inizieranno le prime regate di avvicinamento. Quest’ultime rappresentano un’occasione per un primo confronto tra i vari equipaggi in gara. Dopodiché si arriva alla Prada Cup dove verrà selezionato lo sfidante ufficiale del Defender della Coppa che, spesso, corrisponde con lo sfidante originario.

La selezione è molto dura. Si inizia con dei Round Robin, molto simili ai gironi all’italiana e si finisce con delle sfide al meglio delle sette regate tra i migliori equipaggi. Il vincitore della Prada Cup è chiamato ora al compito più difficile: battere il defender in una sfida al meglio delle nove regate e alzare al cielo l’ambita coppa.

Per parlare dell’attuale edizione della Coppa dobbiamo tornare al 2017 quando Team New Zealand batte nella finale gli statunitensi di Oracle Racing conquistando per la terza volta il trofeo. Neanche il tempo di festeggiare che è arrivata la sfida di una barca italiana chiamata Luna Rossa, che a molti farà venire in mente le magiche notti del 2000 quando l’equipaggio italiano, guidato da Francesco De Angelis, riuscì ad approdare in finale di Coppa America battendo American One per poi subire una dura sconfitta (5-0) da parte di Team New Zealand. Luna Rossa e TNZ hanno deciso che la Coppa America 2021 sarà decisa a bordo degli AC75, barche ipertecnologiche che letteralmente volano sull’acqua. Questo grazie all’azione di speciali appendici dette foil che rendono l’edizione attesa ancora più spettacolare e affascinante.

L’edizione di quest’anno vede in gara, oltre a Luna Rossa e TNZ, altri due sfidanti: i britannici del Team INEOS e gli americani di American Magic. I britannici sono guidati dal leggendario Ben Ainslie, l’uomo più vincente della storia della vela olimpica. Inoltre il team è finanziato dal miliardario Jim Ratcliffe. American Magic è invece finanziata dalla Airbus ed è guidata dal timoniere neozelandese Dean Barker.

Lo scorso 20 dicembre si sono concluse le World Series, con la vittoria di TNZ. La Prada Christmas Cup è stata cancellata per assenza di vento. Queste due competizioni rappresentavano le regate di avvicinamento e hanno già espresso i primi verdetti (molto preliminari).

Iniziamo dalla squadra che ha incontrato in queste tappe di avvicinamento più probemi: Team Ineos. La squadra inglese durante le World Series ha fatto registrare uno score di 0 vittorie e 6 sconfitte oltre che numerosi problemi di conduzione della barca da parte dell’equipaggio. I dati indicano una differenza a livello di prestazioni strutturali della barca che paragonate a quelle degli altri sfidanti è imbarazzante.

Luna Rossa si è piazzata terza con uno score di 3 vittorie e 3 sconfitte . La barca azzurra ha mostrato tutta la bontà del progetto e soprattutto ha mostrato grande conduzione e grandi prestazioni dal punto di vista strutturale. Nell’ultima regata contro TNZ ha mostrato che in condizioni di vento leggero può battere i campioni in carica.

American Magic si è piazzata al secondo posto con uno score di 4 vittorie e 2 sconfitte. La barca americana ha mostrato grande concretezza in tutte le condizioni di vento riuscendo a tener testa sia a Luna Rossa che a TNZ. Rispetto a queste ultime, però, ha mostrato meno velocità di punta e meno prestazioni a livello tecnologico

TNZ ha mostrato, con uno score di 6 vittorie e 1 sconfitta, che rappresenta la barca da battere al momento. Ha dimostrato di eccellere in tutte le condizioni di vento seppur peccando in fluidità di manovra. Il defender, come da tradizione, resta il favorito per portare a casa la Coppa.

Le regate riprenderanno il 15 gennaio con la Prada Cup dove si inizierà a fare sul serio e gli equilibri potrebbero venire stravolti.

Francesco Paolucci

Comments

La tua opinione è preziosa

Login/Sign up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: