Tennis

Astri Nascenti – Denis Shapovalov, il biondino terribile del tennis alla conquista dell’Australia

0

“Astri Nascenti” volge lo sguardo al futuro raccontando la storia dei giovani più promettenti del panorama internazionale. Particolare attenzione ai nomi meno noti al grande pubblico, con la speranza che la loro carriera possa spiccare il volo.


Tra i prospetti del tennis mondiale va sicuramente inserito Denis Shapovalov. Cittadino canadese, 21 anni, proviene da un ambiente cosmopolita. Infatti, il padre Viktor è un uomo d’affari russo di religione cristiano-ortodossa, mentre la madre Tessa Shapovalova è un’ebrea russa a sua volta ex-tennista e allenatrice. I genitori del ragazzo si traferirono in Israele, e per questo Denis è nato a Tel Aviv. Ma quando aveva appena nove mesi la famiglia si spostò a Toronto. La madre decide di aprire un’accademia di tennis dove il figlio inizia a praticare questo meraviglioso sport, nonostante il suo sogno fosse giocare a hockey su ghiaccio. Ed ecco che Shapovalov, grazie agli insegnamenti di mamma Tessa, impara e perfeziona il suo colpo migliore: il rovescio ad una mano. La madre di Denis lo allena personalmente, e ad oggi fa ancora parte del suo staff. Il rovescio mancino, potente ed elegante, diventa la sua arma nelle sfide con i “grandi”.

Proprio quei grandi che si ritrova a sfidare sono una fonte di ispirazione per il talento canadese, ed in particolare lo è Roger Federer, il maestro del rovescio a una mano. Denis si rivede molto nel gioco dello svizzero, quasi come fosse allo specchio (visto che è mancino). Il ragazzo inizia ad ammirare anche un suo connazionale, Milos Raonic (anche lui non propriamente canadese). Infatti il giovane Denis apprezza Milos per aver portato il tennis del suo paese ad alti livelli, e un giorno vorrebbe raggiungerlo (e non è tanto lontano dal farlo).

Infatti, la carriera del tennista classe ’99 è stata segnata da grandi e rapide crescite, che lo hanno visto emergere nel tennis mondiale, prima a livello junior e poi tra i grandi. Il suo talento è sconfinato, ma spesso la giovane età non gioca dalla sua parte. Ogni anno si pensa che possa essere la stagione di Shapovalov, ma il ragazzo è giovane e deve sicuramente maturare. Proprio per questo è difficile prevedere la sua annata tennistica. Negli ultimi 3 anni si sono alternati alti e bassi nel gioco di Denis, ma si sono visti comunque passi importanti verso la maturità. Il suo primo exploit, quando, all’età di 18 anni e 4 mesi, a casa sua in quel di Montreal (Canada), ha raggiunto la sua prima semifinale in un Master 1000, è ormai un lontano ricordo. Proprio per questo Shapovalov ha avuto tutto il tempo per maturare e per confrontarsi con i grandi del tennis, e potrebbe essere giunto il momento per il suo definitivo salto di qualità.

Denis Shapovalov in campo all’Australian Open 2020 – ©️ Dita Alangkara/AP

A Melbourne Denis si presenta da numero 11 al mondo e potrebbe fare strada insidiando i big del tennis mondiale. Visto anche “il ricambio generazionale” in corso, Shapovalov ha tutte le carte in regola per essere la sorpresa del primo Slam della stagione 2021. Ma dipenderà tutto da lui. Per fare strada in tornei così lunghi e competitivi non serve solo il talento, ma anche concentrazione e sangue freddo, cose che spesso sono mancate a Denis e che gli hanno impedito il definitivo salto di qualità. Insomma, Shapovalov è davanti alla cosiddetta prova del 9. Non solo in Australia, ma in tutto il 2021: il biondino terribile esploderà definitivamente o no? Per ora non è lecito saperlo, ma dopo il primo Slam della stagione tutto sarà più chiaro.

Giovanni Frezzetti

Comments

La tua opinione è preziosa

Login/Sign up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: