Atletica

Da Donetsk 2013 ad oggi: gli 800m azzurri – Parte IV

0

La Nazionale giovanile di atletica spesso si è distinta per la numerosa partecipazione agli eventi internazionali. In più occasioni è stato detto che tali manifestazioni avrebbero rappresentato un’importante tappa di passaggio per i ragazzi che in futuro sarebbero diventati i migliori atleti d’Italia. È stato davvero così? Questi talenti in erba si sono poi rivelati futuri campioni?

Questo è il quarto di una serie di articoli (100m200m400m) in cui proveremo ad indagare se i talenti del 2013 della categoria allievi (under 18) si sono poi affermati come atleti d’élite da adulti. Per selezionare i giovani messi sotto la lente d’ingrandimento sono stati presi come riferimento i campionati del mondo allievi del 2013 svolti a Donetsk (Ucraina). In tale evento i convocati italiani furono sessantacinque: trentacinque ragazzi e trenta ragazze.

Stavolta il focus è incentrato sugli ottocentisti. Due ragazzi e due ragazze rappresentarono l’Italia negli 800m e, in tale competizione, i tempi minimi di partecipazione erano 1’55″00 per gli allievi e 2’13″50 per le allieve.

Marco Lano – 800m, Donetsk 1’54”63 (PB odierno 1’50”72)

Ai mondiali allievi di Donetsk non riuscì ad esprimersi al meglio delle possibilità arrivando sesto in batteria con un tempo superiore a quanto già fatto durante la stagione. Due mesi prima fece 1’52”79. Donetsk 2013 è stata l’unica volta in cui ha indossato la maglia azzurra e il suo attuale PB negli 800m risale al 2014. Nel corso delle stagioni successive ha progressivamente allungato la distanza di gara fino a giungere alla 10km su strada del 2018 chiusa con il tempo di 34’51”. Questa è stata l’ultima gara a cui ha partecipato poiché nel 2019 non ha preso parte a nessuna competizione e nel 2020 non si è tesserato per alcuna società FIDAL.

Jacopo Peron – 800m, Donetsk 1’54”19, (PB odierno 1’50”91)

A Donetsk fu in una batteria più lenta rispetto a quella di Marco, quindi Jacopo riuscì a qualificarsi per la semifinale arrivando quarto con 1’54”19, ma purtroppo in semifinale ebbe una controprestazione chiudendo in 1’57”75. Sempre nel 2013 partecipò alle Gymnasiadi di Brasilia negli 800m. Jacopo è ancora in attività ed è rimasto fedele agli 800m, specialità nella quale ha ottenuto il PB nel 2014 e replicato al centesimo nel 2016. Purtroppo nel 2020 non è riuscito a fare meglio di 1’51”75, miglior risultato degli ultimi quattro anni.

Eleonora Vandi – 800m, Donetsk 2’15”11, (PB odierno 2’00”88)

Settima in batteria a causa di una forte controprestazione rispetto ai suoi standard. A parte uno stop nel 2014, ha avuto una progressione lineare nel miglioramento del proprio PB, culminato a Rehlingen nel 2019 che le ha consentito di diventare l’ottava miglior italiana di sempre negli 800m. Vanta numerose maglie azzurre, tra cui i mondiali di Doha del 2019. Nonostante sia tra le migliori mezzofondiste italiane non è entrata in un gruppo sportivo militare ed è tesserata per una società civile (Atletica Avis Macerata).

Eleonora Vandi

Elena Bellò – 800m, Donetsk 2’08”69, (PB odierno 2’01”34)

A Donetsk non si poteva chiedere di meglio da lei: giunse seconda in batteria realizzando il suo nuovo primato personale e in semifinale riuscì a migliorarsi ulteriormente giungendo quinta. Nella sua carriera ha collezionato innumerevoli partecipazioni alle manifestazioni internazionali con anche un oro vinto ai Giochi del Mediterraneo U23 del 2018. Possiede inoltre i record nazionali nei 600 per le categorie allieve, juniores e promesse. Le sue due migliori prestazioni all-time sono state realizzate nel corso del 2020. Dal 2015 è un’atleta del Gruppo Sportivo delle Fiamme Azzurre.

Elena Bellò

Top 10 del 2013

Per completezza e per avere una visione d’insieme sono stati presi in esame in maniera sintetica gli 10 migliori centometristi del 2013.

Tra gli allievi i tempi andavano da 1’51”60 a 1’55”31 e di questi 7 sono ancora tesserati nel 2020 per una società Fidal. Confrontando i loro attuali PB il migliore è Lorenzo Pilati con 1’48”60” realizzato nel 2016.

I tempi delle dieci migliori allieve andavano da 2’06”42 a 2’14”81 e 7 sono ancora tesserate Fidal. Confrontando i loro attuali PB la migliore risulta la già citata Eleonora Vandi con 2’00”88 corso nel 2019.

In totale sui 20 atleti presi in considerazione in 14 sono ancora in attività, con un abbandono del 30% in sette anni. Per la prima volta il tasso di abbandono è identico sia a livello maschile che femminile.

Considerazioni

Con questa quarta parte salgono a due gli atleti attualmente tesserati per un gruppo sportivo militare. In totale siamo a 2/16. Per quanto riguarda gli atleti della top-10 ancora in attività il totale è di 55/82 (abbandono del 33%).

Nella quinta parte di questo “viaggio” alla ri-scoperta degli allievi di Donetsk andremo ad analizzare i quattro atleti impegnati nei 1500m.

La Redazione
Account redazionale Twitter: @vitasportivait Instagram: @vita.sportiva

Comments

La tua opinione è preziosa

Login/Sign up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: